marchioCi sono terre – un tempo lontane ma oggi vicinissime – delle quali in Italia sappiamo poco.

Terre il cui nome ha per noi un sapore esotico, delle quali sentiamo parlare solo quando qualche sciagura le porta alla ribalta delle cronache internazionali. Eppure, come da noi, anche lì tutto sta cambiando: le città, le persone, il modo di vivere, la cultura. E naturalmente sta nascendo una nuova letteratura, che questi mutamenti interpreta e rispecchia.

Le generazioni nate dopo l’indipendenza dalle potenze coloniali si affacciano al mondo piene di rabbia, di voglia di cambiare, d’entusiasmo. Desiderano conoscere e farsi conoscere. E tra le mille difficoltà di accesso alla comunicazione globale che la povertà e la scarsità di infrastrutture oppongono loro, viaggiano attraverso internet, i social network e, quando possono, nel mondo reale.

 

Terre di libri si propone di far conoscere le storie che nascono in quei luoghi, scritte da autori giovani, curiosi del mondo, ma con la voglia di raccontare il loro Paese. Vuole portare lo sguardo dei lettori verso quelle realtà in movimento per scoprirne la complessità, i drammi, l’umanità, l’ironia, l’intelligenza, la bellezza. Ma intende anche riproporre i libri che queste terre fecero conoscere in Europa, pubblicando – o ripubblicando – i diari di bordo dei navigatori, i resoconti degli esploratori, i racconti dei mercanti e dei viaggiatori, i romanzi che a quelle pagine si ispirarono.

 

Le nuove scoperte fecero nascere in Europa avidità per le immense ricchezze e disprezzo per gli esseri umani diversi. Ma suscitarono anche curiosità e entusiasmo, portando un soffio di aria nuova e stimolando riflessioni su un mondo che d’un tratto diventava più grande.

Terre di libri è distribuita in tutta Italia da CDA (Consorzio Distributori Associati)